Blog Image

EPICANEWS

BLOG INFORMATIVO DELLO STUDIO EPICA

Aggiornamenti e notizie in materia aziendale, fiscale, contrattuale e societaria

Recepimento della direttiva (UE) 2022/2464 per la rendicontazione societaria di sostenibilità e per l’adeguamento della normativa nazionale.

Uncategorised Posted on Tue, June 11, 2024 11:49:13

POST 43/2024

Il Consiglio dei ministri, ieri 10 giugno 2024, ha approvato uno schema di decreto legislativo relativo al recepimento della direttiva (UE) 2022/2464, che modifica il regolamento (UE) n. 537/2014, la direttiva 2004/109/CE, la direttiva 2006/43/CE e la direttiva 2013/34/UE per quanto riguarda la rendicontazione societaria di sostenibilità, e per l’adeguamento della normativa nazionale.

A seguire il comunicato stampa del Governo:

“Lo schema di decreto legislativo recepisce la direttiva 2022/2464/UE (c.d. Corporate Sustainability Reporting Directive o CSRD) che rafforza ed estende gli obblighi in materia di reporting di sostenibilità già imposti alle imprese dalla direttiva 2014/95/UE (c.d. “Non Financial Reporting Directive” o NFRD), concludendo un percorso intrapreso, a livello unionale, con l’Accordo di Parigi del 2015 e proseguito con il Sustainable Action Plan del 2018, nonché con il Green Deal europeo del 2019.

In particolare, la direttiva 2022/2464/UE, al fine di rafforzare gli obblighi di reporting non strettamente finanziario, prevede:

  • estensione degli obblighi di reporting non finanziario alle PMI (diverse dalle microimprese) mentre gli obblighi previsti dalla NFRD hanno per destinatarie solo «le imprese di grandi dimensioni che costituiscono enti di interesse pubblico e che, alla data di chiusura del bilancio, presentano un numero di dipendenti occupati in media pari a 500», gli obblighi di rendicontazione introdotti dalla CSRD gravano, oltre che su tutte le imprese di grandi dimensioni, anche sulle piccole e medie imprese (ad eccezione delle microimprese) che siano enti di interesse pubblico;
  • sostituzione della “rendicontazione non finanziaria” (avente ad oggetto «informazioni ambientali, sociali, attinenti al personale, al rispetto dei diritti umani, alla lotta contro la corruzione attiva e passiva in misura necessaria alla comprensione dell’andamento dell’impresa, dei suoi risultati, della sua situazione e dell’impatto della sua attività» ex art. 1, par. 1, NFRD) con la “rendicontazione di sostenibilità” (consistente in «informazioni necessarie alla comprensione dell’impatto dell’impresa sulle questioni di sostenibilità, nonché informazioni necessarie alla comprensione del modo in cui le questioni di sostenibilità influiscono sull’andamento dell’impresa, sui suoi risultati e sulla sua situazione»)”.


Modificata la modalità d’invio delle comunicazioni dei dati dei crediti d’imposta “Industria 4.0” e R&S.

Uncategorised Posted on Wed, May 22, 2024 10:35:04

POST 042/2024

Cambia la modalità per inviare le comunicazioni richieste dall’art. 6 del DL 39/2024 per l’utilizzo del bonus investimenti 4.0 e dei crediti d’imposta ricerca, sviluppo e innovazione.

Non è più possibile l’invio tramite PEC, come inizialmente previsto. Infatti, con il comunicato del 16/05/2024, il GSE ha annunciato che le comunicazioni dei dati dovranno avvenire attraverso una nuova modalità semplificata: accedendo, previa registrazione, alla sezione Area Clienti del sito del GSE è possibile utilizzare l’applicazione “Transizione 4.0 – Accedi ai questionari” e, selezionando la tipologia di investimento, sarà possibile compilare in pochi passaggi il modulo per la compensazione dei crediti d’imposta.

Per quanto riguarda le modalità di compilazione, viene precisato che sui moduli dovrà essere apposta la firma elettronica qualificata del rappresentante legale (o di uno dei rappresentanti legali) il cui certificato digitale deve essere in corso di validità e rilasciato da un prestatore di servizi fiduciari accreditato AgID.

Damiano Casadei

Studio EPICA – Treviso



Registro Titolari Effettivi: sospesa operatività fino al 19 settembre

Uncategorised Posted on Mon, May 20, 2024 11:56:26

POST 41/2024

Il 17 maggio il Consiglio di Stato ha accolto le richieste cautelari presentate da diverse associazioni fiduciarie contro le sentenze del TAR dello scorso 09 aprile, sospendendo l’esecutività del Registro Titolari effettivi, fissando per il prossimo 19 settembre 2024 l’udienza per la trattazione del merito dei ricorsi in appello.

Rimane però un dubbio sull’operatività del Registro, è da capire se le Camere di Commercio continueranno ad accettare le comunicazioni oppure sospenderanno l’operatività del Registro.

Si segnala infine che in un periodo dove aziende e commercialisti sono impegnati nei depositi dei bilanci dove era concessa la possibilità di confermare i dati dei titolari effettivi, la sezione dell’applicativo non risulta ancora operativa.

Giulia Granello

Studio EPICA – Treviso



Pronti i modelli per la comunicazione dei dati dei crediti d’imposta “Industria 4.0” e R&S.

Uncategorised Posted on Tue, May 07, 2024 15:59:11

POST 40/2024

Nell’ambito del DL n. 39/2024, c.d. “Decreto Salva Conti” sono state introdotte alcune disposizioni finalizzate a monitorare la fruizione dei crediti d’imposta gli investimenti in beni strumentali “Industria 4.0” e R&S. Da lunedì 29 aprile 2024 il GSE ha messo a disposizione i modelli di comunicazione in formato editabile per compensare tali crediti d’imposta.

Ai sensi dell’art. 6 del DL 39/2024 e del DM del MIMIT 24/04/2024, per gli investimenti che si intendono effettuare dal 30/03/2024 occorre presentare la comunicazione preventiva (con l’importo complessivo degli investimenti che si intendono effettuare e la ripartizione del credito per la fruizione), aggiornando la comunicazione ex post al completamento degli investimenti.

Per quanto riguarda invece gli investimenti realizzati dal 01/01/2023 (01/01/2024 per il credito R&S) al 29/03/2024, occorre presentare soltanto la comunicazione ex post.

A tal fine, il MIMIT ha approvato due diversi modelli di comunicazione dei dati e altre informazioni da fornire: uno per gli investimenti in beni strumentali nuovi, funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese (Allegato 1 al citato DM e “Modulo 1”sul sito del GSE), e un altro relativo agli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione estetica (Allegato 2 al citato DM e “Modulo 2”sul sito del GSE).

Ogni comunicazione dev’essere trasmessa singolarmente, firmata digitalmente e inviata tramite PEC  all’indirizzo transizione4@pec.gse.it. L’oggetto di tali comunicazioni dev’essere, a seconda della tipologia di comunicazione, “Comunicazionepreventiva_Codice fiscale/partita IVA dell’impresa”, oppure “Comunicazionedicompletamento_Codice fiscale/partita IVA dell’impresa”.

La presentazione dei modelli costituisce presupposto per la fruizione dei crediti d’imposta in esame.

Damiano Casadei

Studio EPICA – Treviso



Revisione del regime impositivo dei redditi (IRPEF e IRES): decreto legislativo – esame preliminare.

Uncategorised Posted on Tue, April 30, 2024 18:24:12

POST 39/2024

Il Consiglio dei Ministri ha approvato oggi, in esame preliminare, un decreto legislativo che, in attuazione della legge delega sulla riforma fiscale (legge 9 agosto 2023, n. 111), opera la complessiva revisione del regime impositivo dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) e delle società e degli enti (IRES).

A seguire il Comunicato Stampa del Governo.

“-    Redditi dei terreni

Si modifica la disciplina relativa alla determinazione del reddito agrario: attualmente tale reddito è correlato esclusivamente alle attività agricole che vengono svolte sul terreno. La nuova disciplina comprende anche le attività non incentrate sullo sfruttamento diretto del terreno agricolo, quali le cosiddette “colture fuori suolo” (es. attività idroponica), anche svolte in immobili, rientranti in specifiche categorie catastali ed entro determinati limiti (la parte eccedente del reddito concorrerà alla formazione del reddito d’impresa), e le attività dirette alla produzione di beni anche immateriali mediante coltivazione, allevamento, silvicoltura che concorrono alla tutela dell’ambiente, nei limiti dei corrispettivi delle cessioni di beni registrate o soggette a registrazione a fini IVA. Di conseguenza, si qualifica reddito dominicale quello correlato agli immobili utilizzati per le colture fuori suolo, che quindi non sono produttivi di reddito di fabbricati, se non sono oggetto di locazione.

–    Redditi da lavoro dipendente

Si ampliano le componenti escluse dalla formazione del reddito di lavoro dipendente. In particolare, sono esclusi i contributi e premi versati dal datore di lavoro per i familiari a carico dei dipendenti per prestazioni, anche in forma assicurativa, aventi per oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, o aventi per oggetto il rischio di gravi patologie.

Inoltre, nelle more dell’introduzione di un regime fiscale sostitutivo per la tredicesima mensilità, si prevede l’erogazione, nel mese di gennaio 2025, di un’indennità di 100 euro ai lavoratori dipendenti per i quali, nell’anno 2024, ricorrano congiuntamente le seguenti condizioni:

reddito complessivo non superiore a 28.000 euro;

coniuge non separato e almeno un figlio, entrambi a carico, oppure almeno un figlio a carico, ove l’altro genitore manchi o non abbia riconosciuto il figlio e il contribuente non sia coniugato o, se coniugato, si sia successivamente separato, o se vi siano figli adottivi, affidati o affiliati del solo contribuente e questi non sia coniugato o, se coniugato, si sia successivamente separato;

imposta lorda determinata sui redditi da lavoro dipendente (con esclusione di pensioni e di assegni a esse equiparati), percepiti dal lavoratore, d’importo superiore a quello delle detrazioni spettanti.

–    Redditi da lavoro autonomo

Si introduce, quale criterio generale di determinazione del reddito da lavoro autonomo, il principio di onnicomprensività (in analogia ai lavoratori dipendenti): il reddito derivante dall’esercizio di arti e professioni sarà costituito dalla differenza tra tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d’imposta in relazione all’attività artistica o professionale e l’ammontare delle spese sostenute nel periodo stesso nell’esercizio dell’attività. Inoltre, si prevede che siano escluse dalla formazione del reddito, oltre ai contributi assistenziali e previdenziali, anche: le somme percepite a titolo di rimborso delle spese sostenute per l’esecuzione di un incarico e addebitate al committente e il riaddebito ad altri soggetti delle spese sostenute per l’uso comune degli immobili utilizzati, anche promiscuamente, per l’esercizio di tali attività e per i servizi ad essi connessi.

Si conferma il principio di cassa quale criterio di imputazione temporale dei componenti di reddito al periodo di imposta (pertanto i compensi rilevano al momento della percezione e i costi sono deducibili nell’esercizio di effettivo sostenimento della spesa), sono salve le deroghe previste (es. per ammortamenti, canoni di leasing e quote di TFR).

Si estende il regime della tassazione separata alle plusvalenze derivanti dalla cessione a titolo oneroso di partecipazioni in associazioni, società ed enti, comunque riferibili all’attività artistica professionale.

Si prevede un’apposita disciplina relativa alla deducibilità delle spese relative a beni ed elementi immateriali sostenute nell’esercizio di arti e professioni.

Si introduce il principio di neutralità fiscale (non realizzando quindi plusvalenze o minusvalenze) con riferimento a: operazioni straordinarie concernenti i conferimenti, trasformazioni, fusioni e scissioni relativi a società tra professionisti; apporti in associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti e professioni o in società semplici; apporti delle posizioni partecipative nelle associazioni professionali o società semplici in altre associazioni o società costituite per l’esercizio in forma associata di arti e professioni o in società tra professionisti.

In merito al regime temporale di applicazione delle nuove misure:

in materia di redditi da lavoro autonomo, l’applicazione è prevista a partire dal periodo d’imposta in corso alla data di entrata in vigore del decreto;

in relazione alle spese sostenute per l’esecuzione di un incarico e addebitate analiticamente in capo al committente, si istituisce un regime transitorio in base al quale fino al 31 dicembre 2024 continuano ad applicarsi le disposizioni in vigore anteriormente alle modifiche apportate dal decreto, riguardanti la deducibilità delle spese e la concorrenza alla formazione del reddito delle relative somme percepite a titolo di rimborso delle medesime;

in materia d’imputazione temporale dei compensi assoggettati a ritenuta, le nuove disposizione hanno effetto anche per i periodi di imposta antecedenti a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto, se le relative dichiarazioni, validamente presentate, risultano conformi alla nuova disciplina. Restano comunque fermi gli accertamenti e le liquidazioni di imposta divenuti definitivi.

–    Redditi diversi

Si stabilisce che per i terreni suscettibili di utilizzazione edificatoria acquistati per effetto di donazione, si assume come prezzo di acquisto quello sostenuto dal donante, aumentato dell’imposta sulle donazioni nonché di ogni altro costo successivo inerente. Inoltre, con riferimento alle cessioni degli immobili acquisiti per donazione da non più di cinque anni, si prevede la concorrenza alla formazione del costo di acquisto anche dell’imposta sulle donazioni nonché di ogni altro costo successivo inerente, in analogia con quanto attualmente previsto con riguardo ai terreni acquistati per effetto di successione.

–    Disposizioni in materia di redditi d’impresa

Si realizza una prima fase di attuazione della delega in materia di razionalizzazione e semplificazione dei regimi di riallineamento dei valori fiscali a quelli contabili e di modifica dei criteri di determinazione dei redditi di impresa.

In materia di determinazione della base imponibile delle società e degli enti commerciali residenti, al fine di avvicinare valori contabili e valori fiscali, si modifica il trattamento tributario:

delle sopravvenienze attive derivanti da proventi in denaro o in natura conseguiti a titolo di contributo o di liberalità, che potranno concorrere a formare il reddito esclusivamente nell’esercizio in cui sono incassati;

della valutazione delle rimanenze finali di opere, forniture e servizi;

delle differenze sui cambi.

Inoltre, si introduce una disciplina in materia di riallineamenti dei disallineamenti tra valori fiscali e valori contabili volta ad assicurare l’omogeneizzazione delle regole proprie dei diversi regimi di riallineamento attualmente esistenti.

Si interviene in materia di conferimenti di azienda effettuati tra soggetti residenti e nell’esercizio di imprese commerciali, introducendo la possibilità, per la società conferitaria, di optare, nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel corso del quale avvenga il conferimento, per l’applicazione di un’imposta sostitutiva (da versare in un’unica soluzione ed entro uno specifico termine) sui maggiori valori attribuiti in bilancio a immobilizzazioni materiali e immateriali relativi all’azienda ricevuta e si introduce una disciplina inerente all’entrata in vigore e al regime transitorio connesso alle nuove disposizioni in materia di riallineamento.

–    Disposizioni ulteriori

Si modifica il regime di riporto delle perdite da parte delle società residenti, ai fini della determinazione della base imponibile IRES, intervenendo, in particolare, in materia di fusione, di scissione, di scissione per scorporo, di conferimenti di partecipazioni in società e di liquidazione.”



Ravvedimento speciale: riapertura dei termini al 31 maggio 2024.

Uncategorised Posted on Tue, April 09, 2024 09:48:31

POST 38/2024

L’art. 7 commi 6 e 7 del DL n. 39 del 29 marzo 2024 ha riaperto i termini per poter beneficiare del ravvedimento speciale, istituito con la L. 197/2022.

L’istituto del ravvedimento speciale dà la possibilità di ravvedere le violazioni riguardanti le dichiarazioni validamente presentate sino al periodo d’imposta 31 dicembre 2022, entro i termini perentori fissati dalla legge, pagando le sanzioni ridotte ad 1/18 e pagando le somme in forma rateale.

Occorre distinguere le violazioni per le dichiarazioni relative alle annualità 2017- 2021 da quelle commesse con riferimento all’anno 2022.

Per le prime la riapertura dei termini porta la scadenza al 31 maggio 2024, in luogo del 30 settembre 2023, data entro la quale occorre rimuovere la violazione (presentando una dichiarazione integrativa) e pagare le prime cinque rate, lasciando le ultime 3 con le scadenze originarie (30 giugno 2024, 30 settembre 2024, 20 dicembre 2024).

Per l’annualità 2022 si potrà rimuovere la violazione entro il 31 maggio 2024 e pagare gli importi in quattro rate con scadenza 31 maggio 2024, 30 giugno 2024, 30 settembre 2024 e 20 dicembre 2024.

Giulia Granello

Studio EPICA – Treviso



Comunicazioni di cessione credito bonus edilizi e sconto in fattura entro oggi, giovedì 4 aprile: non son ammessi ritardi e correzioni.

Uncategorised Posted on Thu, April 04, 2024 12:40:14

POST 37/2024

Scade oggi il termine entro cui devono essere trasmesse all’Agenzia delle Entrate le comunicazioni di opzione per lo sconto in fattura o la cessione del credito d’imposta ex art. 121 dl 34/2020 relative alle spese per interventi edilizi sostenute nel 2023, nonché per la comunicazione della cessione delle rate residue relative alle spese sostenute negli anni 2021 e 2022.

Ricordiamo che a seguito del Decreto Legge approvato la scorsa settimana (DL 23/2024) non è più possibile accedere all’istituto della remissione in bonis, che consentiva la possibilità di sanare il tardivo invio delle comunicazioni di cessione del credito con il versamento di una sanzione pari a 250 euro.

Pertanto, avendo negato l’accesso alla remissione in bonis, dopo il 4 aprile 2024:

– non sarà possibile presentare comunicazioni di cessione crediti relative alle spese sostenute nell’anno 2023 o alle rate residue non utilizzate.

Ciò significa che la rata annuale del credito potrà essere solo utilizzata in compensazione dal beneficiario della detrazione fino a capienza delle imposte dovute. La rata di credito annuale eccedente la capienza d’imposta sarà definitivamente persa;

– non sarà neppure possibile presentare correzioni sostanziali di comunicazioni inviate entro la data del 4 aprile.

Si auspica che in sede di conversione in legge del Decreto 23/2024 vengano apportate modifiche al testo normativo che possano – almeno – consentire la correzione delle comunicazioni presentate entro la scadenza del 4 aprile 2024, come peraltro già formalmente richiesto dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti.

Chiara Curti

Dottore Commercialista – Studio EPICA – Treviso



Detrazioni fiscali edilizia: nuova stretta alla cessione dei crediti e nessuna remissione in bonis.

Uncategorised Posted on Wed, March 27, 2024 11:58:56

POST 36/2024

Il Consiglio dei Ministri ieri sera ha approvato, a sorpresa, un decreto legge che pone nuove restrizioni nell’ambito delle detrazioni fiscali nel settore edilizia.

In attesa di poter esaminare il testo del Decreto Legge, riportiamo di seguito il link del Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri  https://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-75/25355 .

Segnaliamo in particolare quanto riportato in due punti del Comunicato stampa in relazione alle limitazioni previste per le opzioni per sconto in fattura e/o cessione del credito e all’esclusione dell’istituto della remissione in bonis per le comunicazioni di cessione credito scadenti il prossimo 4 aprile 2024:

1) sconto in fattura e cessione del credito: il Decreto prevede “l’eliminazione, per gli interventi successivi all’entrata in vigore delle nuove norme, delle residue fattispecie per le quali risulta ancora vigente l’esercizio delle opzioni per il cosiddetto sconto in fattura o per la cessione del credito in luogo delle detrazioni”;

2) comunicazioni cessione crediti da inviare entro il prossimo 4 aprile: il decreto prevede che “al fine di acquisire, alla scadenza ordinaria del termine previsto per le suddette agevolazioni (4 aprile 2024), l’ammontare del complesso delle opzioni esercitate e delle cessioni stipulate, si esclude l’applicazione dell’istituto della remissione in bonis che avrebbe consentito, con il pagamento di una minima sanzione, la comunicazione funzionale alla fruizione dei benefici fino al 15 ottobre 2024”.

Chiara Curti

Dottore Commercialista – Studio EPICA – Treviso



Next »